Wing Chun Abbiategrasso

Scuola di arti marziali Wing Chun Kung Fu (Wong Shun Leung lineage) di Sifu Massimiliano Fiora, ad Abbiategrasso (MI) 20081, presso la palestra FitUP

Studio del sistema

Wing Chun è un efficace sistema di difesa che, nella situazione estrema di un attacco alla persona, non impone l’esecuzione di tecniche predefinite ma al contrario si basa su principi che portano l’individuo a reagire liberamente senza schemi preordinati.

Lo studio delle tecniche è parte integrante del percorso che il praticante affronta nel corso del tempo, ma non ne costituisce l’aspetto fondamentale in quanto l’efficacia di una tecnica deve essere supportata anzitutto da un principio altrettanto valido.

Studiare Wing Chun significa avere voglia di migliorare la conoscenza di noi stessi e del modo in cui ci relazioniamo con gli altri reagendo a eventi che non necessariamente arrivano a minare l’incolumità della persona; saper gestire le emozioni, agire con la testa libera da sentimenti quali l’orgoglio o la rabbia può rappresentare la condizione migliore per affrontare situazioni che coinvolgono la nostra vita a 360°.

L’allenamento costante ha tra i suoi obiettivi una migliore percezione della corretta distanza tra noi ed il nostro avversario, la valutazione del momento migliore per muoversi e chiudere lo spazio seguendo il concetto di linea centrale, comprendere quando sia meglio colpire il nostro avversario perché privo di equilibrio o assorbire e deviare la sua spinta se fosse in condizioni più favorevoli.
L’insieme dei principi sopra esposti viene sviluppato in un esercizio tipico di Wing Chun che prende il nome di Chi Sao (mani appiccicose) che prevede il lavoro di coppia finalizzato a sviluppare le migliori reazioni del corpo rispetto agli stimoli ricevuti.

Wing Chun è un sistema strutturato che oltre al Chi Sao offre al praticante anche lo studio di 3 forme a mani nude (Siu Nim Tao, Chum Kiu, Biu Jee), una con il manichino di legno (Mok Yan Jong), una con il bastone lungo (Lok Dim Boon Kwun) ed una con i coltelli a farfalla (Bat Cham Dao)

Le forme, serie di movimenti codificati, possono essere considerate come “libri di testo” dove gli studenti imparano l’esatta esecuzione delle tecniche ed apprendono i principi base della loro arte.
L’esatto apprendimento ed il corretto insegnamento consentono di mantenere inalterato il sistema nel tempo, permettendone solo una eventuale evoluzione.

Molti metodi di combattimento contemplano l’esistenza di forme, conosciute con il nome di kuen – per gli stili cinesi – e di kata – per quelli giapponesi. Nella tradizione del kung fu, costituiscono l’unico punto di riferimento del praticante: si incomincia imparando le forme di base, poi si passa a quelle avanzate, sempre più complesse, infine si arriva a quelle con le armi.